POLITICHE DI GESTIONE DEL PERSONALE PER IL TURNOVER AZIENDALE

Qualora non conosciate a pieno il tema del turnover oggi cercheremo di dare una visione panoramica sul significato del termine, le cause che lo provocano e le possibili attività da applicare nelle proprie politiche di gestione del personale.

Per turnover del personale si intende il flusso di personale che transita a partire dalle assunzioni e dal numero di dipendenti che si dimettono o vengono allontanati.

Per iniziare facciamo una veloce distinzione tra Turnover Fisiologico e Turnover Patologico, poiché per approfondire le motivazioni di base che portano i dipendenti a cambiare.

Turnover Fisiologico

Ossia il naturale processo di entrata e uscita dei dipendenti. Questo avviene quando ci sono persone che vanno in pensione o si aumenta il flusso in entrata con assunzioni più strategiche e in uscita attraverso i licenziamenti.

Nel sondaggio dei giorni scorsi abbiamo riscontrato una percezione negativa per quanto riguarda la gestione del turnover dei dipendenti da parte delle aziende italiane.  

Turnover Patalogico

Per questo motivo sempre più frequentemente le aziende devono affrontare la problematica del cosiddetto Turnover Patologico, cioè una sofferenza interna per cui i migliori talenti decidono di terminare anticipatamente rispetto ai termini contrattuali il proprio percorso in azienda.

Le cause principali possono essere attribuite ad una cattiva organizzazione del lavoro, mancanza di obiettivi o al contrario obiettivi scoraggianti/non raggiungibili, alla mancanza di trasparenza, mancanza di identità e coinvolgimento, scarse prospettive di crescita professionale oppure ai pessimi rapporti con colleghi e superiori.

Il turnover patologico può, quindi, creare non poche difficoltà alle aziende qualora non fossero ben consapevoli e ben preparate ad affrontare una dimissione inaspettata. Inoltre, tendenzialmente i primi a lasciare l’azienda sono i dipendenti più qualificati in quanto hanno più possibilità di ricollocarsi.

Cosa fare quindi?

I dati del turnover del personale sono importanti per fare un’analisi delle cause ed effettuare correttivi alle politiche sulla gestione delle risorse umane.

Sarà necessario, quindi, intervenire sulle seguenti aree per risolvere il problema:

– Eseguire un’analisi del clima aziendale e dei motivi della fuoriuscita attraverso interviste con i dipendenti;

– Programmare piani di formazione e sviluppo delle competenze del personale;

– Effettuare una efficace Comunicazione interna per rafforzare la Brand Identity;

Miglioramento delle strategie retributive;

Revisione dei sistemi incentivanti;Coinvolgimento del personale nel raggiungimento degli obiettivi aziendali;

– Miglioramento del clima aziendale attraverso workshop di gruppo o altre attività di svago extra lavorative.

Inoltre, se nel breve periodo non è possibile ridurre il tasso di turnover, le aziende possono applicare una serie di strumenti quali:

– Tavole di rimpiazzo;

– Job posting;

– Piani di assunzione;

– Piani di formazione e sviluppo.

Qualora la tua azienda avesse problematiche di questo genere non esitare a contattarci per ricevere una consulenza di processo o un supporto per un’ottimale onboarding di nuovi dipendenti grazie ai nostri servizi di ricerca e selezione del personale.

Employee retention starts with great onboarding!

INplacement è una società di consulenza in ambito Human Resources, una realtà dinamica costituita da consulenti e professionisti del settore. Rapidità e competenza contraddistinguono il nostro lavoro quotidiano grazie ad un’organizzazione flessibile e sempre attenta al cambiamento al fine di garantire la soddisfazione dei nostri clienti.