Pandemic Blog Series: FRANCIA

Intervista a Xavier Simon – CEO di Granit RH

snkandk

Prima di tutto, come stai? Spero che tu e la tua famiglia siate stati bene durante la pandemia.

Grazie, stiamo tutti bene!

Com’è la situazione in Francia adesso? Come sono stati gli ultimi 6-7 mesi? 

Fino ad ora, il lavoro è andato abbastanza bene. A marzo abbiamo avviato molte ricerche. Gli investimenti andavano bene. Il nostro lavoro è facile da trasferire all’ufficio domestico. Ci sono voluti solo pochi giorni per continuare a lavorare come al solito da casa.
Al termine del blocco, alcuni dei nostri clienti hanno dovuto affrontare un periodo difficile e altri hanno dovuto affrontare una domanda in forte espansione. Tutte le attività sono state influenzate in modo differente.

Cosa dici sugli affari e sull’atmosfera generale? Come stanno reagendo le aziende? Ci sono stati molti licenziamenti?  

La crisi pone tutti in un atteggiamento positivo di aspettativa. Stiamo tutti cercando tempi migliori. Per ora, il clima aziendale è in calo; difficilmente vediamo come finirà la storia di COVID. Clienti e candidati si astengono dai loro progetti. Il governo francese aiuta il più possibile, ma abbiamo paura che il peggio debba ancora venire.

Come vedi la fine del 2020? E come invece il 2021?

Siamo tutti alla ricerca di notizie positive che ci diano più fiducia nel futuro. Siamo stati felici di vedere i cani finlandesi rilevare il virus in dieci secondi con successo al 100% all’aeroporto di Helsinki. Il problema forse non è dove pensavamo che sarebbe stato!

Come vedi il futuro? Quale sarà la maggior differenza quando si metteranno a paragone la Francia pre e post pandemia?

Nella crisi precedente, eravamo preoccupati per il nostro lavoro e per i nostri soldi. Questa volta, ci preoccupiamo per le nostre vite.
La crisi sanitaria è iniziata da un giorno all’altro. Le persone saranno molto più preoccupate per la qualità della vita e per le decisioni a lungo termine. Questo è importante per la gestione degli affari e della carriera.
Dopo questo blocco, ci siamo abituati agli strumenti di comunicazione digitale, ci rivolgiamo a un atteggiamento più verde e viaggeremo meno: meno auto, meno treno, meno aereo …

Quale tipo di figure professionali credi che saranno più richieste dopo la pandemia? Credi che ci sarà qualche differenza importante riguardo al recruiting dopo il Covid-19?

Prima di tutto, gli strumenti digitali stanno accelerando il tempo necessario per una ricerca. Cacciatori di teste e reclutatori stanno consegnando più velocemente che mai. Più in generale, le preoccupazioni per le risorse umane e le posizioni delle risorse umane saranno valutate dal top management. Ciò che chiamiamo gestione del capitale umano diventerà davvero rilevante. La percezione del tempo sta cambiando; il lungo termine sta diventando sempre più importante. Fare cassa alla fine del trimestre è importante, ma costruire qualcosa che vada lontano, viva a lungo e dia un senso sta diventando centrale.

Quali consigli daresti a uno straniero che vorrebbe lavorare in Francia?

Oggi a una persona straniera in cerca di lavoro in Francia diremmo: “non abbiate fretta”. Consigliamo di cercare una bella posizione lontano da Parigi e fuori dalle grandi città. Ci sono molti bei posti in cui vivere in Francia e una grande rete di aziende di medie dimensioni, filiali di gruppi più grandi che possono offrire buone opportunità di carriera e un’eccellente qualità della vita.
E soprattutto: ricordati che dopo l’inverno arriva la primavera!

INplacement è una società di consulenza in ambito Human Resources, una realtà dinamica costituita da consulenti e professionisti del settore. Rapidità e competenza contraddistinguono il nostro lavoro quotidiano grazie ad un’organizzazione flessibile e sempre attenta al cambiamento al fine di garantire la soddisfazione dei nostri clienti.

In collaborazione con: