IL CANDIDATO OVER-QUALIFIED

Navigando sul web capita spesso di visualizzare annunci lavorativi che non sono in linea con le nostre competenze, mentre altre volte capita di leggere annunci per cui si ha la percezione di essere anche più competenti rispetto a quanto richiesto.
In qualità di Recruiter consigliamo ai candidati di leggere attentamente gli annunci, poiché capire bene cosa ricerca l’azienda può permettere di adeguare correttamente il curriculum alla job description e valorizzare determinate competenze rispetto ad altre.

Qualora si possegga un buon 70% delle competenze tecniche, talvolta è possibile comunque inviare la propria candidatura senza farsi demoralizzare, poiché spesso le aziende quando trovano un candidato di ottima prospettiva sono ben disposte ad offrire percorsi di formazione per sopperire a determinate mancanze. 

Nel caso in cui, invece, si fosse Over-Qualified, quali sono le considerazioni che potrebbero portare un Recruiter a scegliere un candidato con meno esperienza? 

Ambizioni: Le qualifiche possono rappresentare una minaccia in termini di aspettative professionali

Ruolo Operativo: Un Recruiter potrebbe pensare che il candidato non sia disposto a svolgere attività meno strategiche ma più pratiche

Prestazioni Negative: Il ruolo profilato potrebbe risultare noioso

Retribuzione Inferiore: Un ruolo più basso potrebbe implicare una retribuzione inferiore rispetto a quella desiderata dal candidato

Tipologia di Investimento: Nonostante l’esperienza, il candidato potrebbe non risultare un investimento a lungo termine

– The Need Factor: Un recruiter potrebbe pensare che quel lavoro sia solo un’esigenza temporanea e che ci siano alte probabilità di abbandono in seguito

Ma possedere più competenze rappresenta esclusivamente un aspetto negativo per l’azienda?

Trovare il candidato ideale per un’offerta lavorativa è un nostro obiettivo aziendale e per questo motivo valutiamo sempre in sede di primo colloquio la motivazione al cambiamento, ma vediamo insieme alcuni aspetti che riteniamo positivi di un candidato Over-Qualified:

– Affidabilità: Assicurare affidabilità nel ruolo per evitare di riprendere frequentemente il processo di selezione

The Need Factor: Una maggior esperienza del candidato unita al fattore “bisogno” può, a volte, essere una risorsa fondamentale per la crescita dell’azienda

The Peter Principle: se l’azienda presenta una struttura gerarchica in cui si possono prevedere degli scatti di crescita, un candidato over-qualified può possedere le competenze necessarie a eventuali promozioni

Formazione: un candidato già esperto non avrà bisogno di un percorso di formazione strutturato poiché conosce già le mansioni che dovrà svolgere

Crescita Individuale: Se il Recruiter può assicurare una crescita professionale all’individuo, l’assunzione di un candidato over-qualified può essere presa in considerazione

Rapporto Retribuzione/Competenze: Per la maggior parte dei datori di lavoro, over-qualified significa “troppo costoso”. Ma lo stipendio precedente non è sempre il miglior parametro di riferimento per l’adattamento al lavoro.

In conclusione, assumere un candidato over-qualified non è mai considerabile come un errore ma certamente va sempre fatta un’opportuna indagine sui fattori sopra citati che potrebbero risultare in seguito negativi come ad esempio a livello di integrazione con il team.

Se una persona è veramente troppo qualificata per la posizione, l’azienda dovrà dimostrarsi aperta all’ascolto valorizzando e sfruttando al massimo l’expertise del candidato specialmente in situazioni complesse interne all’azienda. In caso contrario, potrebbe essere meglio per tutti gli attori prendere strade alternative.